concept

Concept

Arte, fotografia, letteratura: tre premi per altrettanti linguaggi in piena evoluzione. Obiettivo comune: far dialogare ancora, come un tempo, arte e valori, etica ed estetica. Con una convinzione: che anche nell’epoca della comunicazione globale, all’arte possiamo porre domande coraggiose. Per sapere dove stiamo andando, e partendo da dove.

Comunicazione e arte da sempre intrattengono uno stretto e importante rapporto. Dove c’è comunità c’è bisogno di comunicare, non solo tra gli individui l’uno con l’altro, ma tra il singolo individuo e quella proiezione del corpo sociale che sono le istituzioni: i soggetti pubblici, garanti e custodi dei valori comuni che fondano il senso stesso della comunità.

L’arte, d’altra parte, è il primo e il più importante mezzo di comunicazione: il più efficace. Non solo infatti l’arte è da sempre specchio della società, in grado di svelarne i tratti più profondi e nascosti, e dunque di fornire nuove chiavi di lettura del reale, anticipando spesso la direzione che la società si appresta a prendere; l’arte è anche il più formidabile laboratorio di sperimentazione di linguaggi, in grado di immaginare non solo nuovi concetti da esprimere, ma nuovi modi per esprimerli. Una capacità che è ancora più preziosa quando si tratta di dare corpo, letteralmente, a concetti immateriali e astratti, fondamentali per l’individuo e per il vivere comune.

Grazie a questa vocazione, a lungo nelle epoche passate l’arte ha saputo vivere e prosperare a stretto contatto con la sfera pubblica, nelle sue diverse incarnazioni: religiosa, politica, economica. Un’idea quella di arte civica, che ha la sua culla nel Mediterraneo, con l’arte mesopotamica ed egizia prima, greca e romana poi: e non poteva essere altrimenti, perché è qui che è nata anche l’idea istituzionale di dimensione pubblica e di comunità, sotto forma di polis o di res publica a seconda dei casi.

É nel Mediterraneo che tutto è partito: qui l’arte è stata fin dall’inizio qualcosa di più di un esercizio di stile: mezzo di memoria e di anticipazione, crocevia tra passato e futuro. Ed è esattamente a questa idea di arte che si rivolge il progetto Blumm Prize: ogni anno, artisti provenienti da tutto il mondo sono invitati a rappresentare un valore fondante del delicato rapporto tra cittadini e Istituzioni. Principi come trasparenza, identità, fiducia, felicità prendono letteralmente corpo, per andare a comporre, anno dopo anno, un mappa ideale di quella terra di mezzo – metà pubblica e metà privata – ancora inesplorata dove oggi si muove ogni componente della società.

2014 © Pomilio Blumm Srl - CF/P.IVA 01304780685 - blummprize@pomilio.com - phone: +39 0854212032 fax: +39 0854212092 - www.pomilioblumm.it